Surface Pro sta per arrivare: siete pronti?

Surface Pro sta per arrivare: siete pronti?

  • Comments 1
  • Likes

Corso Magenta, Milano. Una location nascosta alla quale si arriva intrufolandosi in un lungo cortile nascosto al traffico caotico della città.

Queste le coordinate dell’evento Microsoft che si è tenuto ieri per presentare all’Italia il neo-nato Surface Pro, prodotto che si propone come una via di mezzo tra il mondo dei tablet e quello dei notebook.

In mezzo a musica e stuzzichini, giornalisti e appassionati di tecnologia si sono incontrati insieme allo staff Microsoft per scoprire questo nuovo modello, affiancato durante le prove dal fratello minore Surface RT, la versione potenziata dal sistema operativo Microsoft Windows RT e diretta concorrente di iPad e dei tablet Android, rispetto ai quali offre la marcia in più dell’ambiente desktop e della possibilità di collegare una delle due tastiere magnetiche autoalimentate disponibili.

Sulle stesse basi nasce Surface Pro, modello che mantiene il form factor dell’RT con la sola eccezione di un peso e uno spessore leggermente maggiorati per via della differenza di hardware.

Insieme allo staff di Microsoft, gli intervenuti all’evento hanno potuto scoprire come una serie di caratteristiche tecniche si trasformano nel Surface Pro in un’esperienza d’uso completa e appagante.

Surface Pro: caratteristiche da notebook in un involucro da tablet

Prima di continuare vediamo quali sono le caratteristiche. Cuore pulsante del sistema è la piattaforma di Intel che potenzia molti ultrabook presenti sul mercato; si tratta del processore Core i5 il cui chipset contiene anche il processore grafico Intel HD4000.

La memoria RAM è di 4 GB mentre per l’archiviazione sono disponibili due versioni, quella da 64 GB e quella da 128 GB.

Tutto intorno ruotano una serie di caratteristiche classiche del mondo dei dispositivi portatili: WiFi, Bluetooth, doppia fotocamera e vari sensori, nascosti dallo schermo da 10,6 pollici a risoluzione Full HD con tecnologia Wacom che permette di utilizzare il pennino sensibile a diversi livelli di pressione.

Chiudono l’elenco un trio di specifiche che hanno reso Surface apprezzato e lo hanno distinto dagli altri tablet, ovvero la porta USB (sul Pro risponde allo standard 3.0), il lettore microSD, la Mini DisplayPort e il supporto che – insieme alla tastiera – lo trasforma in un vero e proprio notebook.

Perché citarvi le caratteristiche? Semplice, perché ieri gli ospiti intervenuti hanno potuto toccare con mano come tutti questi ingredienti si combinino in Surface Pro per trasformarsi in un dispositivo curato in ogni sua caratteristica, a partire dalla lega del case per finire con l’esperienza d’uso intuitiva e familiare proprio come i PC a cui siamo abituati da tempo.

Due mondi, quello dei notebook e quello dei tablet, che si incontrano per portare in mobilità la potenza e i software del mondo computer, senza problemi di fluidità sia per l’interfaccia che per le varie applicazioni. Surface Pro è infatti versatile, in valigia pesa meno di un chilogrammo e non ci fa rimpiangere il classico notebook anche quando si tratta di editare le nostre foto con Photoshop o montare un video in alta definizione.

Presto potrete toccare anche voi con mano l’innovazione del Surface Pro anche voi a partire dal 30 maggio!

Il Team di Windows

1 Comments
You must be logged in to comment. Sign in or Join Now
  • Luca A.
    0 Posts

    Peccato che il lancio negli store italiani sia stato così penoso...