Internet Explorer 10, un browser alla riscossa e a prova di benchmark

La storia della guerra dei browser che da qualche anno ha generato la frammentazione dei software per la navigazione in rete si appresta a iniziare un nuovo capitolo. E quest’ultimo inizierà all’insegna di quel browser che, più di ogni altro, ha insegnato al popolo della rete a navigare nelle acque in moto e in evoluzione perpetua del web. Il browser in questione, ovviamente, è Internet Explorer, che nella versione numero 10 si presenta con un’immagine rinnovata.

La scelta del browser per molti utenti si basa più che altro sulla “scuola di pensiero” da seguire. Per partito preso spesso si preferisce un browser piuttosto che un altro solo perché più in voga al momento, senza però conoscere pienamente le potenzialità del software scelto o di quello scartato. Situazioni in cui si vanno a creare delle vere e proprie fazioni che si “scontrano” sulla rete e fuori per sminuire o esaltare i vari software per la navigazione. Di ciò ne è un esempio il simpatico e auto ironico spot di Internet Explorer 10 dal titolo “Do you know this guy? | Intermet Explorer”, disponibile sul canale ufficiale YouTube di Internet Explorer, con il quale Microsoft vuole rimettersi in gioco e colmare le distanze con i competitor.

L’unico modo per dimostrare la propria forza era di realizzare un browser tutto nuovo; cosa che, grazie a  una riprogettazione totale,  gli ingegneri sono riusciti a fare, creando uno dei software per la navigazione del web più veloci del momento. Anzi, secondo “alcuni”, il più veloce. Gli “alcuni” cui facciamo riferimento sono i benchmark, applicativi automatici in grado di testare e valutare secondo delle scale di punteggi le prestazioni dei software, in questo caso di Internet Explorer 10.

Il modo in cui sono realizzati taluni benchmark porta ad avere valutazioni finali che strizzano l’occhio verso un browser piuttosto che un altro, ma questo non spaventa IE10 che riesce a primeggiare nelle classifiche realizzate con le più svariate e famose applicazioni per gli stress test. Anzi, per i test di valutazione delle performance, IE10 è il browser che ne esce meglio fra tutti quelli esistenti.

L’esempio migliore è forse dato da Robohornet, un benchmark in grado di mettere fortemente alla prova i browser ponendoli di fronte ad una situazione di interpretazione complessa di codice JavaScript, rendering HTML, animazioni CSS ed altro. I test eseguiti con Robohornet hanno decretato delle votazioni ottime per IE10, il quale ha distaccato non di poco i concorrenti. Nonostante la bontà del benchmark, Microsoft non ha ritenuto sufficiente la validità dei risultati emersi dallo stress a cui IE10 è stato sottoposto e ha proposto una versione “Pro” di Robohornet, così da migliorarne la validità stessa.

Altri benchmark come Google V8, Mozilla Kraken e Sunspider dimostrano come il nuovo browser di Microsoft abbia ormai annullato quel gap che i concorrenti avevano tentato di creare tra loro stessi e le precedenti versioni di Internet Explorer. Ancora più sbalorditivi, poi, i dati emersi dagli esperimenti di Weboagetest.org, il servizio il cui codice è depositato su Google Code, che permette di valutare la velocità di caricamento delle pagine web. Anche in questo caso, Internet Explorer 10 è risultato essere in assoluto il più veloce tra i browser provati. Inoltre, a dimostrazione della bontà di IE10, basta osservarne la velocità anche sul Windows 7: un’esperienza di navigazione davvero tutta nuova.

I numeri, quindi, parlano chiaro. Sono ormai passati i tempi in cui Internet Explorer era quasi assalito da arrembanti antagonisti che provavano a vantare voti alti nei test eseguiti tramite i benchmark per aggiudicarsi il titolo di migliore software per la navigazione della rete. La storia la scrivono i numeri. Sì, quelli di Internet Explorer 10e lode!