May 4, 2015 6:37 am

I pronostici di Bing per la Champions League grazie alla saggezza del Web

Un professore di matematica incontra un suo alunno per strada che sta indossando la maglietta della Juventus. Sapendo che è un tifoso gli dice: ”Secondo i miei calcoli statistici, questa sera ci sono il 53,3% di probabilità che la Juventus vincerà la partita contro il Monaco“. Poco dopo, il ragazzo incontra il suo vecchio amico e tifoso sfegatato della Juventus che gli dice: “Andrea, ho sentito che Buffon non gioca e  non so perché, ma sento proprio che la Juventus non batterà il Monaco”. A chi dovrebbe dare retta il nostro amico?”

In passato abbiamo conosciuto il motore di ricerca, come il servizio che ci permette di trovare delle informazioni su Internet.

I vari algoritmi che permettono a Bing di fornire risposte rilevanti, sfruttano immense moli di dati provenienti dai contenuti disponibili sul web, dall’interazione delle persone con i risultati e da un’infinità di altri “segnali”. A seconda dell’esigenza i segnali possono essere sfruttati e bilanciati in maniera diversa.

Ma cosa accade quando non ci sono indicazioni chiare di quello che può essere il risultato finale più pertinente? Ad esempio, come fa Bing a sapere chi vincerà una determinata partita di calcio?

I Pronostici di Bing, ci forniscono un aiuto per rispondere a questa domanda sfruttando sia dati storici (modelli statistici) che la “saggezza del web” (modello basato sul sentimento dei tifosi).

Nel caso specifico delle partite di calcio, vengono utilizzati elementi statistici per calcolare la forza di una squadra basandosi su precedenti vittorie, sconfitte o pareggi, come la squadra si comporta solitamente nel contesto internazionale (Champions League), se la partita si gioca in casa o meno più una serie di altri fattori che in passato hanno dimostrato di influenzare la performance della squadra come ad esempio il meteo, l’orario e lo stato della superficie di gioco.

Il risultato dell’elaborazione statistica, viene poi bilanciata con la “saggezza del web” ottenuta analizzando le ricerche degli utenti ed altri segnali provenienti dai mondo social in formato aggregato.

Il Machine Learning ci permette inoltre di estrarre elementi come il sentimento degli appassionati, gli infortuni, i giocatori squalificati ed eventuali scelte del modulo.

bing pronostici

Per dare un esempio, supponiamo di voler pronosticare il risultato della partita Brasile – Germania del mondiale di calcio 2014. In quella partita, Neymar (infortunato) & Thiago Silva (somma di ammonizioni) non erano disponibili, quindi se si fosse chiesto ad un tifoso brasiliano: “Pensi che il Brasile vincerà la partita contro la Germania”, la sua risposta sarebbe molto probabilmente stata: “NO”, perché il tifoso avrebbe valutato l’assenza di questi due giocatori come un fattore determinante. Quello che cerchiamo di fare in Bing è di costruire un modello basato sul sentimento dei tifosi che sia in grado di catturare queste informazioni aggregate (i tifosi brasiliani pensano che il Brasile perderà). Se abbiamo successo nell’elaborate questi segnali e soppesarli correttamente, il modello statistico iniziale può essere migliorato.

I pronostici di Bing sin ora hanno prodotto eccellenti risultati in vari campi e ad esempio nel caso dei mondiali di Calcio in Brasile 15 dei 16 pronostici sono risultati accurati.

Nei quarti di finale di ritorno, Bing ha pronosticato correttamente 3 risultati su 4, ma sappiamo bene che il calcio è bello perché è imprevedibile.

Esistono elementi che possono alterare ogni pronostico come la performance straordinaria (o pessima) di un giocatore, un’espulsione al primo minuto o altre variabili, che rendono gli eventi sportivi così emozionanti ed appassionanti.

Ritornando alla storiella d’apertura e alla domanda: “A chi dovrebbe dare retta il nostro amico?”, il suggerimento che ci sentiamo di dare è quello di invitare l’amico a chiedere un pare a Bing, digitando Pronostici di Champions League”.

Buon divertimento

Il Team di Bing

Updated May 4, 2015 6:38 am

Join the conversation